Congratulazioni Presidente U Htin Kyaw!

Oggi e’ un giorno di grande gioia per tutto il Myanmar! E’ stato Eletto il primo presidente non militare dal 1962: U Htin Kyaw. Si respira un’aria di emozione e di commozione.

U Htin Kyaw, un Uomo speciale, un grande Uomo al comando di un Paese che sta uscendo da una grande sofferenza. Non si poteva scegliere persona migliore: colta, intelligente, equilibrata, con un background personale di grande spessore ma umile, nonostante il suo passato importante.

Figlio del grande scrittore e poeta birmano U Min Thu Wun, padre della letteratura per l’infanzia, ha studiato sia in patria che in Inghilterra, laureandosi a pieni voti sia in Inghilterra che negli Stati Uniti. Ha sofferto, durante la lunga dittatura, di grandi privazioni, ma con fierezza ha saputo sopportare tutto, insieme alla moglie Daw Su Su Lwin, figlia del compianto Presidente di NLD.

 

Ricordo con che amarezza ci raccontavano di essere sulla lista nera dei militari: amarezza, sí, ma senza la sensazione di essere dei perdenti; anzi, con un’accesa indomabile fede nel futuro e nel leader Aung San Suu Kyi. Per Lei e per la Birmania, hanno sopportato umiliazioni con tanta dignità e tanta fede.

 

Conosciamo personalmente e da molti anni U Htin Kyaw e non potevamo sperare in una scelta migliore: una persona di grande spessore e sensibilità, che sa interfacciarsi con i piccoli e con i grandi, con un sorriso buono e due occhi che toccano il cuore sia per l’intelligenza vivace che per la grande sensibilità. Con le lacrime agli occhi di emozione, sentiamo gli echi di gioia per la sua elezione in tutto il Paese, tra tutte le etnie.

Se la nostra Signora non poteva essere eletta per cavilli costituzionali pretestuosi, la scelta di U Htin Kyaw come Presidente è senza pari. Il Myanmar ha fatto Goal: un Grande Uomo al comando di un Paese che riguadagnerà presto la sua grandezza!

Congratulazioni Presidente, Congratulazioni First Lady! Vi Vogliamo bene.

di Patrizia Saccaggi e Francesco Baietti

Foto tratta da NLD

Foto tratta da The Irrawaddy

Condividi questo post